MONOGRAMMA s. m. [dal lat. tardo monogramma -mătis: cfr. l’agg. gr. μονογράμματος «formato di una sola lettera», comp. di μονο- «mono-» e γράμμα «segno, figura, lettera»] (pl. -i). – Insieme di più lettere (di una parola o di più parole) congiunte e sovrapposte in nesso fra loro, così da formare un solo segno grafico, di solito usato per esprimere un nome proprio di persona; in storia dell’arte, la sigla identificativa di un artista o, più spesso, di un incisore. Usato con valore di sigla sin dal Medioevo, nei sigilli apposti in luogo della firma, è oggi inciso su oggetti o ricamato su indumenti personali.

Convenzionalmente il monogramma è un elemento grafico ottenuto dalla fusione delle iniziali di nome e cognome. Dietro a ogni monogramma si celano i pensieri, i sogni e i desideri di ciascun individuo.

Qui troveranno spazio le storie di personaggi i cui nomi si intrecciano a vicende che a prescindere dall’epoca di appartenenza, portano con sé pensieri, sogni e desideri dotati di un contenuto emozionale non comune.

Naturalmente, l’interesse di entrambi verte su aspetti umani ed artistici legati a loro volta con il mondo dello stile e dell’evoluzione dell’estetica quale valore legato a personalità uniche e non al mero apparire. Ci piace racchiudere questi uomini non comuni in tre semplici categorie, ben consci del fatto che si tratta di un gioco arbitrario:
NUOVI ROMANTICI-RIBELLI-INNOVATORI.

I primi, profondamente legati al mondo classico, i secondi, fuori dagli schemi correnti e i terzi proiettati verso il futuro. Tutti però accomunati dal fatto di essere ai nostri occhi delle ICONE DI STILE, ovvero assolutamente dandy.

Noi due li osserveremo da dietro lo specchio, per poter descrivere al meglio il loro stile e le loro peculiarità, usando gli avvenimenti che li hanno visti protagonisti come testimonianza del loro mondo.

Il punto di partenza vede storie con protagoniste tre figure del tutto diverse tra loro: l’esule votato all’autodistruzione, il pugile/poeta e il pioniere della modernità.

Talvolta sconfinanti nella leggenda, sono comunque personaggi nei quali tutti noi possiamo appassionarci al punto di identificarci, in parte o in tutto, con le loro gesta, passate o presenti e ispirarci al loro stile.

MM/AAB

Marco Marelli/Andrea A. Berti

Non ci sono commenti

Pubblica un commento